domenica 22 marzo 2015

Intervista a Steve Wynn (20.3.15)

intervista esclusiva a Steve Wynn rilasciata ad Alcepedia prima del concerto al Caffè Rossetti di Trieste, in calce la traduzione.


This is gonna be your fourth concert in Trieste, what's your relationship with the local audience ? Do you have some special memories of the past shows ?

Really?  Only the fourth?  Wow, it seems like more than that.  Hmmmm....we'll have to check on that.  But I can tell you without any hesitation that I've enjoyed every show I've played in Trieste.  So much enthusiasm and excitement and lack of hesitation and inhibition.  All the things I love in an audience.  And sometimes even James Joyce comes to the show.

When have you first come up with the idea of undertaking a one-man-band electric tour ?

I enjoy doing these stripped down tours of Europe every few years.  It's a way of challenging myself to find new things from within and to rediscover  and reassess my history.  And then last Fall in New York I saw 3 different performers--Grant Hart, Bob Mould and Elvis Costello--do solo electric shows and I really liked it.  It was a realization that you can be a rocker playing solo and still rock like you do with a band.  It's a natural fit for me.

Are you planning on doing a similar tour in the States ?

I've already done 5 shows like this in the States and I'm sure I'll do more.  The reaction has been really good.

In Trieste, you'll be sharing the evening with “Cheap Wine”, in my opinion one of the most interesting italian rock bands around. Will you play together on stage ?

There is a rumor that might happen.  I've known Marco and the boys for a long time and we have played together in the past.  Let's see what happens!

To what extent has the move from L.A. to N.Y. affected your career ?

In such a big way.  What did Nilsson say in "Everybody's Talking?"  Oh yeah, "I'm going where the weather suits my clothes."  But in this case I went where the city suits my personality--lots of walking, lots of visual stimulation, overheard conversations, mixtures of language and food and personalities and all of it around you at every moment.  And when you're walking around New York City, even though you're with millions of people, you're also alone and invisible.  Very good for songwriting and thinking.

Is it true that you're planning on recording a brand new Dream Syndicate's album? Have you started working on it on your own or will it be a team effort ?

A little of both.  The band is sounding so fantastic these days and we're particularly good at longer songs and improvisation and I'd like to have some of that on the record.  

And what about the Miracle 3 ? In this regard, is there any outtakes from the "Here Comes The Miracles" era waiting to be published ? 

Actually we used all but one song from that session on the double album that came out.  That was 19 songs--the only other one was called "Bitch Pants."  Yes, a pretty silly title and song.  I bet that will come out some day.  It's pretty funny.  But I do want to do a Desert Trilogy Complete collection someday, every song from that record, "Static Transmission" and "...tick...tick...tick."  It was a great, exciting, inspirational period and it would be nice to document it in some kind of coherent context.


There is a 22-years gap between “Lost Weekend” and “Cast Iron Soul”, the two Danny and Dusty's records, what's your current relationship with Dan Stuart ? Will there be any further collaboration ?

I was just talking about that gap last night.  I can't think of many other cases where there was a 22 year gap between a debut and second album.  Dan and I did a show together in Zurich a few nights ago and it was really fun.  I don't think you've heard the last from Danny & Dusty.

Have you ever thought about recording a cover album ?
Besides “Wynn plays Dylan”, of course.

I am thinking about doing some shows--and maybe another collection of covers--next year for Dylan's 75th birthday.  That one show at Hana Bi was so much fun and I bet that I'd enjoy doing it again.  I also did a Lou Reed show with the Miracle 3 last year that was great.  I love doing things like that.  Good way for me to learn new things and it's always fun for the audience.  Stay tuned.  I bet I'll be doing more of these things.

Apart from being a musician, I know you are a music collector too, is there any new band you've particularly liked recently ?

I think there's some great music right now.  I love Sun Kil Moon, The War On Drugs, Phosphorescent, the latest from D'Angelo, the Black Keys, the last Tom Petty and Ryan Adams albums--lots of people at the top of their game right now.  It's inspiring.

What do you think about the new trends of music on demand like Spotify and related ? Do you think a platform like Tidal could be a good middle way between quality and trend ? I personally think that a player like Pono is not likely to catch on the general public nor the audiophiles, what do you think about it ?

I don't know Tidal.  Should I be scared?  Of course, I have mixed feelings about Spotify.  As a fan, it's easy and convenient.  As a musician it's proof that new CDs will continue to sell less and less or just not exist.  But music never goes away.  Everything always changes.  I'll still write, I'll still record, I'll still play--just the ways of connecting those things to the fans will change.  I'm not worried.

What are the five records you have been listening the most to, lately ?
And the five you'd take to a desert island ?

I'm always listening to something by Bob Dylan.  Lately it's Tell Tale Signs, the official bootleg collection from a few years ago.  I downloaded (legally!) the last concert of the Allman Brothers at the Beacon in New York and I've been playing that a lot.  Oh, and a great African band called Tamikrest.  Like Tinariwen but even more rocking.  Desert Island?  Man, I've got my phone and a little travel speaker.  Why?  Because touring IS a desert island.  I'm always ready.  



                                                  Photo by Francesco Chiot


Questo sarà il tuo quarto concerto a Trieste: qual è il tuo rapporto con il pubblico locale? Hai qualche ricordo speciale degli ultimi spettacoli?

Davvero? Solo il quarto? Wow, mi sembravano di più... Posso dire senza alcuna esitazione che ho amato ogni spettacolo tenuto a Trieste. Ho trovato sempre tanto entusiasmo ed eccitazione e mancanza di esitazione e di inibizione. Tutte le cose che amo in un pubblico. E a volte anche James Joyce è presente allo spettacolo...

Com’è nata l’idea di intraprendere un tour elettrico one-man-band?

Mi piace fare questi tour da solista in Europa. E' un modo per sfidare me stesso, per trovare nuovi stimoli e per riscoprire e rivalutare la mia storia. E poi lo scorso autunno a New York ho visto tre interpreti - Grant Hart, Bob Mould e Elvis Costello - fare spettacoli elettrici solisti e mi è veramente piaciuto. Assistendo ai loro show, ho realizzato che si può essere un rocker che si esibisce da solista e comunque suona come si fa con una band. Si tratta di una scelta naturale per me.

Hai intenzione di realizzare un tour simile negli Stati Uniti?

Ho già tenuto cinque spettacoli come questo negli Stati Uniti e sono sicuro che ne farò altri. La reazione del pubblico è stata davvero buona.

A Trieste condividerai la serata con i Cheap Wine, a nostro parere uno dei più interessanti gruppi rock italiani. Suonerete insieme sul palco?

Conosco Marco e i ragazzi da tanto tempo e abbiamo suonato insieme in passato. Vediamo cosa succede! 

In che misura il trasferimento da Los Angeles a New York ha influenzato la tua carriera? 

Molto. Che cosa ha detto Nilsson in "Everybody's talking?". Oh sì, ha detto "Vado dove il tempo si adatta ai miei vestiti." Ma in questo caso sono andato dove la città si adattava alla mia personalità: un sacco di passeggiate, un sacco di stimoli visivi, conversazioni, miscele di lingua, cibo e costumi. Ttutto intorno a te in ogni momento. E quando sei a piedi in giro per New York City, anche se sei con milioni di persone, sei anche solo e invisibile. Ottimo per comporre e pensare

E' vero che hai intenzione di registrare un nuovo album dei Dream Syndicate? Hai iniziato a lavorarci su da solo o sarà un lavoro di squadra?

Un po' di entrambi. La band sta suonando in modo fantastico e siamo particolarmente a nostro agio con le canzoni più lunghe e l'improvvisazione: vorrei trasferire un po' di questi elementi sul disco.

E i Miracle 3? A questo proposito, c'è qualche outtakes del periodo di "Here Comes The Miracles" in attesa di essere pubblicato?

In realtà abbiamo usato tutte le canzoni, di quella sessione, tranne una, per il doppio album con 19 brani che alla fine è uscito. L'unico brano non utilizzato è intitolato “Bitch Pants”. Sì, lo ammetto: un titolo e canzone abbastanza sciocchi. Scommetto che verrà pubblicato. E 'abbastanza divertente. Ma io vorrei realizzare una collezione completa della “Desert Trilogy” con ogni canzone da quel  disco, “Here Comes The Miracles", da "Static Transmission" e "... tick ... tick ... tick". E' stato un grande, emozionante, periodo di ispirazione e sarebbe bello documentarlo in qualche tipo di contesto coerente.

C'è un gap di 22 anni tra "Lost Weekend" e "Cast Iron Soul", i due dischi di Danny & Dusty, qual è il tuo rapporto attuale con Dan Stuart dei Green On Red? Ci saranno ulteriori collaborazioni?

Ne stavo giusto parlandone ieri sera. Non riesco a pensare a molti altri casi in cui vi sia stato un divario di 22 anni tra un album d'esordio e il secondo. Dan ed io abbiamo tenuto uno spettacolo insieme a Zurigo poche sere fa ed è stato davvero divertente. Non credo quindi che abbiate sentito Danny & Dusty per l'ultima volta...

Hai mai pensato di registrare un album di cover? Oltre a "Wynn interpreta Dylan", naturalmente. 

Sto pensando di tenere alcuni spettacoli - e forse pubblicare un'altra raccolta di cover - il prossimo anno per il 75 ° compleanno di Dylan. Quello spettacolo al Hana Bi era così divertente e mi piacerebbe farlo di nuovo. Ho realizzato anche uno show su Lou Reed con i Miracle 3 l'anno scorso, che è stato grande. Mi piace fare cose del genere. E' un buon modo per me di imparare cose nuove ed è sempre divertente per il pubblico. Rimanete sintonizzati. Scommetto che farò altre cose di questo tipo.

Oltre ad essere un musicista, so che sei anche un collezionista di musica: c'è qualche nuova band che le è particolarmente piaciuta di recente?

Penso che ci sia della buona musica in questo momento. Amo Sun Kil Moon, The War On Drugs, Phosphorescent, l'ultimo di D'Angelo, i Black Keys, gli ultimi album di Tom Petty e Ryan Adams - un sacco di musicisti al vertice in questo momento. E' stimolante.

Che ne pensi delle nuove tendenze della musica on demand come Spotify e affini? Pensa che una piattaforma come Tidal potrebbe essere una buona via di mezzo tra qualità e tendenza? Personalmente ritengo che un artista come Pono non sia in grado di attirare il pubblico in generale né gli audiofili, cosa ne pensi?

Non conosco Tidal. Dovrei essere spaventato? Certo, ho sentimenti contrastanti su Spotify. Come fan, è facile e conveniente. Come musicista è la prova che i CD continueranno a vendere sempre meno o semplicemente non esisteranno più. Ma la musica non se ne va mai. Tutto cambia continuamente. Io scriverò ancora , registrerò ancora , suonerò ancora: solo i modi per collegare queste cose con i fan cambieranno. Non sono preoccupato.

Quali sono i cinque dischi che stai ascoltando più, ultimamente? E i cinque che si porteresti su un'isola deserta?

Ascolto sempre qualcosa di Bob Dylan. Ultimamente è “Tell Tale Signs”, la collezione ufficiale di bootleg di qualche anno fa. Ho scaricato (legalmente!) l'ultimo concerto degli Allman Brothers al Beacon di New York e l'ho ascoltato un sacco. E una grande band africana chiamata Tamikrest. Come i Tinariwen, ma ancora più rock. Su un'isola deserta? Ho il mio telefonino e un piccolo altoparlante da viaggio. Perché andare in tour è come arrivare su un'isola deserta. Io sono sempre pronto.


martedì 28 ottobre 2014

Wallis Bird
(Trieste, 26 ottobre 2014 Etnoblog)


The more you hold on to me,
The less I'm yours to keep
The more you hold on to me
I will try not to leave...

Il fragilissimo istante in cui torni alla realtà, dopo un'intensa e penetrante ballata. Hai la pelle d'oca, l'ultimo accordo risuona flebile, appeso all'elettricità di un silenzio assoluto. Non vuoi lasciare la presa ma sei consapevole che tra un attimo gli applausi faranno svanire l'incantesimo, e il presente si tramuterà in passato.
Non sei veramente sicuro se si tratti di sogno o realtà. Allora ti volti e capisci dallo sguardo dei tuoi amici di non essere solo. Hai la pelle d'oca e un leggero senso di dolce nostalgia, ma ti senti vivo.

La canzone si intitola “In Dictum”, ed è così che mi sentivo a fine concerto. Quel senso di benessere, quando sei preso alla sprovvista da qualcosa di mozzafiato, come vedere il panorama di Parigi dalla collina di Montmatre per la prima volta ed esclamare “Holy shit!”. Ecco, il concerto di Wallis Bird era una sensazione “Holy shit!”, gli assenti hanno avuto torto. 

 

Irlandese di nascita ma tedesca d'adozione, quattro gli album all'attivo, ha già calcato il palco dell'Etnoblog in versione “One band girl” due anni fa (qui l'intera performance). Questa sera l'intensità era ancora maggiore, grazie ad una setlist più calibrata e al ponderato utilizzo di una loop station e di un microfono puntato al pavimento che amplificava il (sempre perfetto) ritmo che teneva con i piedi.
Le canzoni funzionano meglio con questi arrangiamenti scarni che su disco o full band. Un equilibrio perfetto tra energia femminile allo stato primordiale e sensibilità cristallina, tra canzoni suonate alla velocità della luce e momenti meditativi. Una performance sensuale, fatta di sudore, corde spezzate, continui scambi di battute con il pubblico (a dire il vero sparuto ma corretto e ricettivo). “I'm gonna talk slow, and play fast” dice all'inizio, imbraccia la chitarra (che suona al contrario) e attacca con l'ipnotica “Girls”. Impossibile stare fermi.

Holy shit !

sabato 18 ottobre 2014

Swans
(Ljubljana, October 16 2014) ENG


Imagine yourself standing in the middle of an urban mantra, a ceremony for a lucky few that has already lasted for more than two hours, and look around to ckeck if someone has already gone crazy, something that could happen to you, from one moment to another .. 

On our way to Ljubljana, neither I nor the three buddies with whom I have ventured had no idea of what we would come across. All we knew was some brief biographical note and a few clips on youtube (which incidentally does not even give an idea of what we actually went to see). Formed in the 80s, the Swans began their career in the wake of a hardcore-punk era, producing seminal records. They broke up at some point in the 90s and then reunited in 2010. Since then they have released a handful of albums, the last of which "To Be Kind" is acclaimed as one of the albums of the year by publications such as Pitchfork and related. Full stop. We really knew nothing more ..

Wrapped in total darkness, at ten to ten time begins to expand, carrying us to an unreal dimension. Incalculable the introduction of the gongs, the arrival of the drums, the noise of the slide guitar, the constant pulsation of the bass and distortions of the two guitars. And this is just the beginning. What is certain is the way in which, after a slow dynamics such as inexorable, a sudden and extremely loud C chord strikes us without warning like a punch in the face, sucking the audience into a deep tunnel, face to face with their own obsessions, in a downward spiral without end. Three possibilities; escape, face the abyss and come out purified, or be overcome and crushed. A three-hour ceremony, for a selected few, with a cathartic finale that takes no prisoners.


The Six Swans then, look like characters drawn straight out of a comic book; the frontman Michael Gira, fifty, drag the scene with a relentless impetuosity. The guitarist Norman Westberg, tall and slim, sparse white hair, and long beard shoots loads and loads of noise as if the feedback came directly from his body, spitting electric shock. Not to be outdone Christoph Hahn, Texas mustache, red shirt, boots and grease, and a steel-guitar that I never thought it could produce similar sounds. The rhythm section formed by percussionist Thor Harris, drummer Phil Puleo and bassist Christopher Pravdica are shaking the floor.


A constant exchange of energy, an urban mantra, as I said at the beginning, from which only way after the ending you can understand the profound impact on your skin. As I said to Michael Gira at the end of the concert "I'll surely not be the same, after all this ..".


venerdì 17 ottobre 2014

Swans
(Ljubljana, 16 ottobre 2014 Kino Šiška)

 
Immaginate di trovarvi nel bel mezzo di un mantra urbano, una cerimonia per pochi eletti che sta durando da più di due ore, e di guardarvi attorno per controllare se qualcuno è già impazzito, cosa che potrebbe succedere anche a voi, da un momento all'altro..



Sull' autostrada verso Lubiana, né io né i tre con cui mi sono avventurato avevamo la minima idea di ciò in cui ci saremmo imbattuti, se non per qualche brevissima nota biografica o qualche spezzone su youtube (che per inciso non danno un'idea nemmeno sommaria di quello che realmente andavamo a vedere). Formatisi negli anni '80, gli Swans cominciarono la carriera sulla scia di un certo hardcore-punk sfornando dischi seminali. Si sciolsero a un certo punto degli anni '90 per poi riunirsi nel 2010. Da quel momento hanno pubblicato una manciata di album, l'ultimo dei quali “To Be Kind” è acclamato come uno dei dischi dell'anno da testate come Pitchfork e affini. Full stop. Nulla sapevamo più..



Avvolti da un'oscurità totale, dalle dieci meno dieci il tempo si dilata, assume una dimensione irreale. Incalcolabile l'introduzione di gong, l'arrivo della batteria, i rumori della slide-guitar, la pulsazione costante del basso e le distorsioni delle due chitarre. E siamo solo all'inizio. Quello che è certo è il modo in cui, dopo una dinamica tanto lenta quanto inesorabile, un FORTISSIMO e infinito accordo di Do ci colpisce senza preavviso come un pugno in pieno volto, risucchiando gli ascoltatori inerti in un profondo tunnel, a faccia a faccia con le proprie ossessioni, in una spirale a caduta libera senza fine. Tre le possibilità; scappare, affrontare l'abisso e uscirne purificati, o farsi sormontare e restarne schiacciati. Una cerimonia di tre ore, per pochi eletti, con un finale catartico che non fa prigionieri.



I sei Swans poi, sembrano usciti da un fumetto, il frontman Micheal Gira, cinquant'anni, trascina la scena con un'irruenza implacabile. Il chitarrista Norman Westberg, alto e asciutto, capelli bianchi radi e lunga barba spara vagonate di rumore come se il feedback uscisse direttamente dal suo corpo sputando scariche elettriche. Non è da meno Christoph Hahn, baffi alla texana, camicia rossa, stivali e brillantina, e una steel-guitar che non avrei mai pensato riuscisse a produrre simili suoni. La sezione ritmica costituita dal percussionista Thor Harris, il batterista Phil Puleo e il bassista Christopher Pravdica fanno tremare il pavimento.





Uno scambio costante di energia, un mantra urbano, come detto all'inizio, da cui solo dopo esserne usciti vincitori si può capire il profondo impatto sulla propria pelle. Come ho detto a Michael Gira a fine concerto “Dopo aver vissuto tutto questo, non sarò più lo stesso..”. 

 

mercoledì 15 ottobre 2014

Mick Turner, Don't Tell The Driver

 
Mick Turner è un artista, nel senso che oltre ad essere un musicista sopraffino e sottovalutato dai più (me incluso prima dell'incontro ravvicinato in un circolo Arci di Udine un mese fa) realizza quadri di fine fattura. Sue sono le copertine di tutti gli album dei Dirty Three, gruppo in cui affianca gli inossidabili Warren Ellis (violinsta/polistrumentista braccio destro di Nick Cave nei Bad Seeds) e Jim White (batterista tra i più gettonati sulla scena). Se ancora non li conoscete, ascoltate “Ocean Songs”, un classico..

Mick, di carattere schivo, passa un po' inosservato nelle dinamiche del terzetto, rea forse l'ingombranza scenica, a dir poco strabordante, degli altri due. Musicalmente poi (parafrasando un amico) spesso la sua chitarra si limita ad “accordi di risacca”, di semplice riempimento, che non rendono chiaro il suo ruolo: valore aggiunto o semplice comprimario ?

C'è voluto il concerto udinese per sfatare ogni dubbio, una vera sorpresa; mai e poi mai mi sarei aspettato una simile intensità. In due sul palco, chitarra e batteria. Effeti loop che aggiugevano strati su strati di pennellate sonore. Melodie ipnotiche in cui sembrava di cavalcare attraverso le praterie sterminate raffigurate in molte sue tele. Fin dalle prime note riaffiorava una sensazione primordiale, liberatoria, una porta verso la radice di un amore intenso, stregante.

L'ultimo suo disco si intitola “Don't Tell The Driver”, è del 2013, la versione in vinile è divisa in due dischi, quattro lati. Il secondo è semplicemente perfetto, una delle cose migliori che abbia ascoltato da parecchio tempo. “Don't Tell The Driver”/“ Gone Dreaming”. Vi assicuro che, se ascoltato a tarda notte, ad una luce fioca vi sembrerà davvero di sognare ad occhi aperti, inoltrandovi, un passo alla volta, nella pura materia del sogno.. Don't tell the driver we're headed home... I'm gone, dreaming.... 

Aggiungi didascalia


 

martedì 4 marzo 2014

Anna Calvi
(Ljubljana, 27 febbraio 2014 Kino Šiška)


Il Kino Šiška è gremito, molti i fans giovanissimi. Vicino a me, tra le prime file, un manipolo di ragazze, nemmeno ventenni, canteranno tutte le canzoni, senza perdere una parola. Un segnale rassicurante se considerato che non si tratta dell'ennesima bella faccia inglese lanciata dal music business, ma di una musicista di razza con due (ottimi) album all'attivo.

La scenografia, piuttosto spoglia, è costituita da un telone raffigurante un prato sovrastato da nuvole basse. Candele e crisantemi, poi, attorniano le casse alla base del palco.
Anna entra timidamente in scena poco dopo le 22, è di un'eleganza sofisticata; indossa pantaloni a vita alta, una camicetta nera e tacchi alti. Non è un caso che sia una delle musiciste più ricercate da alcuni degli stilisti più famosi al mondo. Osserva per qualche istante il pubblico, sorride. Dietro alla soddisfazione per una calorosa accoglienza nasconde un'aria sardonica di sfida. Imbraccia la Telecaster. 

 

Suzanne & I” apre le danze e già dal primo accordo la metamorfosi è evidente: la giovane donna introversa di poco prima si tramuta in un'artista passionale e assolutamente sicura di sé. Segue “Eliza” e tutti sono già stregati. Una canzone che parla di quando ci si sente intrappolati in una situazione e, per evadere, si immagina di essere qualcun altro “If only I could be you Eliza..”.
L'onirica “Sing To Me”, ispirata ad una delle sue artiste favorite, Maria Callas, ci culla mescolandosi dolcemente con le nuvole in sottofondo, portandoci, sognanti, verso distese sterminate.

È accompagnata da altri tre musicisti: un batterista, un tastierista (elemento aggiunto in questo tour) e la polistrumentista Mally Harpaz, alternata tra armonium, basso, chitarra e percussioni. Gli occhi saranno incollati esclusivamente su di lei, la protagonista assoluta: Anna Calvi. Una presenza scenica magnetica e una voce così potente da chiedersi come faccia ad uscire da un corpo tanto minuto.
Una delle caratteristiche che più colpiscono sono le incredibili dinamiche. Si passa da momenti sussurrati a momenti abrasivi, da ninnananne ad esplosioni di chitarre psichedeliche e stridenti, sorrette da un cantato a volte bisbigliato, a volte operistico. In particolare “Carry Me Over”, tratta dall'ultimo album “One Breath” è un crescendo che sfocia in un assolo al fulmicotone sorretto da melodie ipnotiche.

Simile è il caso dell'intensa “Love Of My Life” che ricorda, in qualche modo, le sfuriate della sua connazionale PJ Harvey.
La canzone che forse, più di tutte, mi ha fatto innamorare si intitola “Love Won't Be Leaving”, saggiamente inserita a fine set. Perfetta sintesi di tutte le sue composizioni ed esauriente dimostrazione del suo talento sia canoro che chitarristico. Un pezzo che mi riporta indietro con la memoria di una decina d'anni, quando ascoltai per la prima volta Jeff Buckley rimanendone ammaliato.

Quattro le covers previste in scaletta: dal passato (remoto) al presente, da “Jezebel” di Frankie Laine a una versione languida e avvolgente di “Wolf Like Me” dei Tv On The Radio, passando per “Surrender” di Elvis e “Fire” di Springsteen. Rivisitazioni tanto personali quanto convinceti che confermano la sua bravura sia compositiva che interpretativa.

Di poche parole, dopo un'ora e quaranta di musica, rientra sul palco da sola, perfettamente a suo agio, sorride, chiede se ci sono richieste “vi lascerò con una ninnananna” e intona "No More Words".

In un'intervista una volta ha detto: “Sono sempre stata attratta dall'idea di guarire le persone con la mia voce.” Se questo era l'intento.. ci è senz'altro riuscita.


Setlist:

Suzanne & I
Eliza
Sing To Me
Suddenly
Cry
Surrender 
Rider To The Sea
First We Kiss
I'll Be Your Man
Love Of My Life
Piece By Piece
Carry Me Over
Bleed Into Me
Fire
Wolf Like Me
Desire
Love Won't Be Leaving

A Kiss To Your Twin
Blackout
Jezebel

No More Words

sabato 1 marzo 2014

Savages
(Bologna, 26 febbraio 2014 Locomotiv Club)


SAVAGES is not trying to give you something you didn’t have already, it is calling within yourself something you buried ages ago, it is an attempt to reveal and reconnect your PHYSICAL and EMOTIONAL self and give you the urge to experience your life differently, your girlfriends, your husbands, your jobs, your erotic life and the place music occupies in your life. Because we must teach ourselves new ways of POSITIVE MANIPULATIONS, music and words are aiming to strike like lightning, like a punch in the face, a determination to understand the WILL and DESIRES of the self.
This album is to be played loud in the foreground.
SAVAGES MANIFESTO #2

Le Savages non stanno cercando di darti qualcosa di nuovo, cercano di risvegliare dentro di te qualcosa che hai seppellito molto tempo fa. Sono un tentativo di riconnetterti con te stesso e le tue emozioni, ridandoti la voglia di sperimentare la vita in un modo diverso. Di riconsiderare il ruolo della tua ragazza, di tuo marito, del tuo lavoro, della tua intimità e del posto che la musica occupa nella tua quotidianità. Perchè dobbiamo insegnare a noi stessi nuovi modi di “manipolazione positiva”, la nostra musica e le parole mirano a colpire come un fulmine, come un pugno in faccia, con una determinazione a capire la volontà e il desiderio in noi stessi. Quest'album deve essere suonato a volume alto, e ascoltato con attenzione.

Quattro donne londinesi, vestite di nero, molto incazzate ed estremamente determinate.
Sonorità cupe e dirompenti che richiamano al post-punk anni '80, genere che in molti hanno cercato di riproporre, ma pochi sono riusciti a rivitalizzare. Non è un caso che l'età media, stasera, si aggira tra i trenta e quarant'anni.
La ricerca di qualcosa di essenziale è già chiara all'ingresso del club, dove un cartello incita il pubblico a non scattare fotografie e video con il cellulare, per immergersi completamente nell'esperienza.

A note from Savages
Our goal is to descover better ways of living and experiencing music.

We believe that the use of phones to film and take pictures during a gig prevents all of us from totally immersing ourselves.

Let's make this evening special

Silence your phones

Riconnettersi con la musica in maniera viscerale e allo stesso tempo riappropriarsi del silenzio, questo l'intento. Lasciare da parte inutili orpelli, figli di un'età in cui stiamo perdendo di vista l'essenziale e non riusciamo più a concertrarci, disturabati da un rumore costante. Non a caso il titolo dell'album d'esordio è proprio “Silence Yourself”. La loro performance, poi, sarà la perfetta estensione di tutto questo. Sulla copertina del disco si legge:
Una volta il mondo era silente, ora ci sono troppe voci. E il rumore è una distrazione costante. Si moltiplica, intesifica, svierà la tua attenzione verso qualcosa di più conveniente, e si dimenticherà di dirti chi sei...” (Manifesto #1)

Alle 23 entrano le quattro Savages. Il palco è basso e privo di transenna, meno di un metro mi distanzia da loro. Jenny Beth, frontman carismatica, capelli corti e tacchi alti, squadra il pubblico con occhi tenebrosi.
La bassista, Ayse Hassan, è schierata a destra, davanti a me, terrà in piedi la sezioni ritmica con perizia impeccabile, ad occhi chiusi per tutto il concerto.
A sinistra la chitarrista Gemma Thompson, lo sguardo nascosto da una lunga frangia, imbraccia la fender azzurra e comincia a dipingere un'inquietante foresta sonora. È il feedback di I Am Here a dare l'avvio al set. Il ritmo martellante ed ipnotico di Fay Milton ci fa entrare subito nell'atmosfera. “I am here.. No more fear.. No more dark shadows..”



Segue “una canzone dedicata a tutte le ragazze snelle e carine. E ai ragazzi” si tratta del (già classico) City's Full. “So many skinny pretty girls around.. Honestly, I just wanna go down.. Try to pretend there's nothing wild..Why do you treat so bad..” Si sprigiona energia femminile allo stato puro, in un crescendo folgorante. il pubblico apprezza e comincia a scaldarsi. Jenny tiene il ritmo sferzando pugni nell'aria, a canzone conclusa commenterà: “mi piace la gente che balla, è la cosa che preferisco” e Ayse parte con il basso di Shut up, mi viene in mente lo scorcio di conversazione tra Gena Rowlands e Joan Blondel nel film “Opening Night” di Cassavettes, inserito come introduzione dell'album, in particolare la frase: I'm trying to be patient..



Su Waiting for a sign penso a come debbano essersi sentiti spiazzati i primi spettatori dei Joy Division o di Siouxsie And The Banshees. Note dilatate e stridenti, sorrette da un basso compulsivo.
She Will sembra uscita direttamente dalla penna di Ian Curtis. Jenny impugna il microfono, si muove per il palco. È già una frontman sicura ma ha ancora grosse potenzialità.

In scaletta c'è spazio per qualche inedito: dall'urlata I Need Something New a Flying to Berlin, inclusa nell'EP del singolo “Husbands” ed ispirata a quel momento in cui “Pensi che l'aereo su cui stai viaggiando debba schiantarsi al suolo, e hai davvero paura di morire”.
Dopo No Face Jenny commenta “C'è un gran silezio per una canzone così rumorosa" e inizia Hit Me, un testo ispirato ad un documentario sulla pornostar “Bella Donna”, che analizza la ricerca di piacere da esperienze estreme.

Gran finale con  Husbands e Fuckers; la prima è uno sfogo di una donna esasperata da un rapporto coniugale soffocante, mentre la seconda viene presentata così: "Un amico una mattina ha lasciato un biglietto sul frigorifero con scritto "Don't let the fuckers get you down" e ho cominciato a pensare che forse, prima di pensare di avere io un problema, ero circondata da teste di cazzo. Questa canzone è dedicata a tutti quelli che stanno passando un brutto perido, si chiama "Fuckers"
Un lungo mantra di dieci minuti con una batteria tribale, in cui il cantato ripete ossessivamente: “Don't let fuckers get you down.. Don't let the fuckers get you down”.

Dopo un'ora e pochi minuti si chiude il sipario, nessun bis previsto ma poco importa, non capita tutti i giorni di venir investiti da un scarica di energia femminile tanto strabordante, speriamo ci sia un degno seguito a tutto questo.

Video:
Husbands: https://www.youtube.com/watch?v=nHw9_C_58tY
She Will: https://www.youtube.com/watch?v=giHD0OHl9xo